Preparare lo zaino per un’escursione

con Nessun commento

E’ giunto il momento di riempire lo zaino perché stiamo per partire per una escursione. Ma cosa portare con sè, e come preparare al meglio lo zaino?

Questa, logicamente, è una domanda alquanto generica a cui non vi è una sola risposta, per preparare lo zaino infatti non esiste una precisa ricetta da prendere alla lettera ma dipenderà anche dalle tue esigenze e dalla tua corporatura che detteranno alcune regole sulle cose da portare sulle spalle. Ma vi sono anche altri fattori molto importanti: pensiamo alla difficoltà e alla lunghezza dell’escursione, alla stagione, alle condizioni atmosferiche e in ultima ma non meno importante alla propria preparazione atletica, resistenza ed esperienza.

Porta solo l’indispensabile!

Se è vero che risparmiare peso vuol dire risparmiare fatica, nel preparare lo zaino dovrai scegliere solo le cose utili e indispensabili e lasciare a casa quelle superflue tenendo conto che sarà il tempo e l’esperienza a farti trovare il giusto compromesso tra peso e reale utilità di tutto ciò che ti porti dietro la schiena. Si perché decidere cosa mettere nello zaino è una questione a mio avviso molto soggettiva, che non può non prescindere da molte variabili.

Passiamo ad un esempio pratico…

Prendiamo un’escursione di 1000 metri di dislivello: ad una persona ben allenata può bastare benissimo mezzo litro d’acqua o nemmeno quello per portarla agevolmente a termine mentre per un escursionista alle prime armi o poco allenato anche un litro d’acqua potrebbe non bastare. Stessa cosa vale anche per il cibo mentre per quanto riguarda l’abbigliamento grosse differenze non dovrebbero esserci.

Bisogna notare infatti che proprio a parità di percorso probabilmente proprio chi  è meno allenato sarà costretto a sobbarcarsi anche più peso sulle spalle, in quanto maggiore sarà il suo tempo di permanenza lungo il percorso. Ciò comporta un aumento delle probabilità di farsi sorprendere da un temporale pomeridiano come di avere bisogno di più cibo, di indumenti e di acqua per portare a termine con la dovuta sicurezza l’itinerario prefissato. Per questo motivo non esiste un elenco di cose che vanno bene per tutti, e per ogni escursione, ma solo delle cose che sono più importanti e altre meno.  Il giusto bilanciamento tra peso e comfort sarai tu a trovarlo in relazione al tuo allenamento alla tua esperienza e alle condizioni meteo attuali e previste. Ognuno è giusto che si prepari lo zaino nella maniera che ritiene più consona.

Vi presentiamo un’interessante video presentato da Marco Fazion, il coordinatore dell’associazione nazionale Guide Ambientali Escursionistiche (G.A.E):

 

 

Lo zaino ideale per una escursione di più giorni

Per i trekking di più giorni non devi riempire lo zaino con tutto ciò che ti può sembrare utile ma di cui potresti fare benissimo a meno. A maggior ragione, data la continuità e la durata dello sforzo nel tempo, lo zaino dovrà contenere tutto ciò che effettivamente può servire durante il tuo cammino rispettando un peso accettabile.

Se si pernotterà in rifugio alla normale dotazione per un’escursione in giornata basterà aggiungere un sacco lenzuolo leggero, un piccolo asciugamano leggero in microfibra, uno spazzolino da denti, una saponetta da albergo, una maglietta che si userà solo per andare a dormire, un paio di pantaloni lunghi e un paio di mutande di ricambio.

Se invece passerai la notte nei bivacchi all’aperto o in tenda dovrai portare con te una scorta di cibo adeguata al percorso informandoti preventivamente sulla possibilità o meno di trovare punti di appoggio e soprattutto sorgenti d’acqua. In questo caso un piccolo fornello da campo a gas sarà molto utile per preparare qualcosa di caldo al momento giusto.

Per quanto riguarda i ricambi alle volte è decisamente meglio puzzare un po’ e prodigarsi per un eventuale bucato a fine giornata, piuttosto che portarsi sulle spalle uno zaino pesantissimo casa strapieno di ricambi. Nei trek di più giorni è molto utile infilare i ricambi in buste di plastica: lo zaino risulta più ordinato e gli indumenti risultano più protetti nel caso di pioggia.

A fine lavoro uno zaino preparato bene non dovrebbe superare i 4-5 kg per le escursioni di un giorno e i 9-10 kg per i trekking di più giorni con pernottamento in rifugio. Se poi c’è anche la tenda di mezzo difficilmente si riuscirà a stare sotto i 13-14 kg.

Un altro video che spiega la preparazione dello zaino per una escursione di più giorni:

 

6 regole per uno zaino ben bilanciato e pronto all’uso

Una buona distribuzione del peso come una perfetta disposizione centrale dello stesso all’interno dello zaino non è cosa da sottovalutare. Uno zaino riempito nel modo correttodall’alto verso il basso, e ben bilanciato anche lateralmente influirà positivamente sulla piacevolezza e sulla sicurezza dell’escursione.

Seguendo queste 6 regole otterrete uno zaino ad hoc pronto ad essere indossato.

  • Posizionare sul fondo le cose più leggere di cui non si ha un bisogno immediato come la maglietta di ricambio, il sacco lenzuolo o sacco a pelo, la giacca leggera in Gore-Tex.
  • Al centro: pile, pantaloni lunghi e cibo
  • In alto: borraccia, sempre a portata di mano
  • Nella patella: carta topografica, bussola e macchina fotografica
  • Disponi le cose in modo da avere una distribuzione del peso il più centrale possibile, evitando assolutamente differenze di peso tra i due lati esterni.
  • Evitare di appendere qualsiasi carico esterno che possa muoversi o impigliarsi a rami o rocce durante la camminata. Molto meglio avere tutto dentro se possibile.

Ok adesso che finalmente sei pronto per partire in escursione con il tuo zaino perfettamente preparato ricordati di un altra cosa prima di uscire di casa: la testa!

 

Esiste un’ampia scelta di tipi di zaino da montagna utilizzabili in escursioni presenti sul mercato nel link sottostante è possibile trovarne un ampio assortimento a prezzi interessanti:

 

Io sono un messaggio di testo. Fai clic sul pulsante modifica per modificare questo testo. Visita questo sito web

mm
Segui InsolitiSentieriWeb:

Associazione Culturale

Insoliti Sentieri nasce a Firenze nel gennaio 2015 dalla volontà di tredici Guide Ambientali Escursionistiche che, dopo essersi formate professionalmente, hanno deciso di non lasciar disperdere il materiale umano e culturale da esse posseduto, ma di mettere tale elemento a servizio della comune passione per l’ambiente naturale in ogni sua forma ed in ogni suo aspetto.

mm
Ultimi post da

Rispondi